Odontoiatria

DOTT.SSA ALESSANDRA LEONARDI

Odontoiatria

DOTT.SSA ALESSANDRA LEONARDI

ODONTOIATRIA CONSERVATIVA

L’odontoiatria conservativa si occupa della “restaurazione” dei denti che presentano, in  seguito ad eventi cariosi o traumatici, lesioni dello smalto e della dentina. Il termine conservativa indica proprio lo scopo  di tale cura, e quindi mira alla conservazione del dente e al suo mantenimento nel tempo. 

Con l’avvento delle nuove tecnologie e dei nuovi materiali compositi, è possibile ridare luminosità ad un sorriso senza alterare la struttura e simulare il colore del dente naturale.

 

Oltre all’utilizzo dei compositi, si  può procedere alla cura con metodi indiretti quali gli intarsi.

 

Si tratta di manufatti protesici, creati in laboratorio mediante impronta di altissima precisione che vengono cementati nella cavità dentaria precedentemente preparata.

Dottoressa Alessandra Leonardi - Odontoiatria Conservativa

ENDODONZIA

Il trattamento endodontico, detto anche cura canalare o devitalizzazione, è necessario quando la polpa del dente si infiamma. L’infiammazione può essere causata da una serie di cause: solitamente è dovuta all’infezione da parte dei batteri che sono presenti nella nostra bocca. Essi normalmente non riescono a raggiungere la polpa del dente, in quanto lo smalto è impermeabile ai batteri, ma se lo smalto presenta qualche danno, allora essi hanno via libera alla polpa del dente. È questo il caso della carie profonda e delle fratture del dente.

 

In entrambe queste situazioni lo smalto presenta delle vie di ingresso per i batteri. Questi, una volta raggiunta la polpa del dente, ne causano l’infiammazione e poi la morte (necrosi). Una volta che la polpa è morta, essi attraversano l’apice della radice e riescono a raggiungere l’osso, dando infezione (ascesso). Segno tipico dell’infezione è il gonfiore.

 

QUALI SONO I SINTOMI DI UN DENTE CHE NECESSITA DI UN TRATTAMENTO ENDODONTICO?

 

I segni di un dente, la cui polpa è infiammata, sono:

 

dolore

aumentata sensibilità al caldo e al freddo

dolore alla masticazione

gonfiore

dolore ai linfonodi

dolore alla palpazione della gengiva vicino al dente

 

Qualche volta possono non esserci sintomi.

 

IN COSA CONSISTE IL TRATTAMENTO ENDODONTICO?

 

Il trattamento endodontico consiste nella rimozione del nervo dentale infiammato e infetto per tutta la lunghezza delle radici. In seguito viene effettuata un’otturazione permanente in guttaperca e cemento canalare, previa adeguata detersione e sagomatura dei canali radicolari.

In seguito sarà necessaria una ricostruzione della corona. 

Dottoressa Alessandra Leonardi - Endodonzia

IMPIANTI DENTALI

Gli impianti dentali, in qualità di radice artificiale inserita stabilmente nell’osso, riescono a sostenere validamente una capsula singola o un ponte, oppure possono fare da eccellente ancoraggio ad una dentiera instabile o mal tollerata dal paziente. 

Secondo le necessità è possibile inserire uno o più impianti, per sostituire un solo dente, più denti (protesi dentale parziale) o tutti i denti dell’arcata (protesi dentale completa). 

In definitiva l’implantologia serve a ristabilire al paziente sia l’estetica, la fonetica che la funzione masticatoria, colmare quelle lacune dentali che potrebbero portare ad uno spostamento della dentatura residua, ed evitare di arrivare a situazione di malocclusione e disturbi a livello dell’articolazione temporo-mandibolare.

Dottoressa Alessandra Leonardi - Impianti Dentali

FACCETTE DENTALI LUMINEERS

Le faccette dentali Lumineers sono il grande alleato dell’estetica del sorriso. Permettono di ottenere un eccellente risultato nell’estetica dentale con un minimo sacrificio dello smalto. Le faccette Lumineers differiscono dalle faccette tradizionali in ceramica principalmente perché sono più sottili (misurano 0,2-0,3 mm) delle faccette dentali tradizionali.

 

SORRISO PERFETTO GRAZIE ALLE RIDOTTE DIMENSIONI DELLE FACCETTE

 

Delle faccette Lumineers sono molto apprezzate le caratteristiche: dimensioni ridotte (sono molto sottili), l’applicazione senza anestesia, il sorriso perfetto, la capacità di ricostruire i denti. Il minimo spessore consente al dentista l’applicazione di una faccetta Lumineers direttamente su un dente non preparato, senza necessità di anestesia, né di trapano, né di limatura dei denti. Piccole modifiche della forma del dente possono rendersi necessarie nei casi in cui è richiesta la finitura cosmetica. Dato che questa rimane a livello dello smalto, anche in questo caso non sarà presente alcun tipo di dolore.

 

Le faccette Lumineers sono faccette in ceramica Cerinata brevettate (ceramica feldespatica arricchita di nano cristalli di leucite) fino a poco tempo fa prodotte solamente in USA e successivamente distribuite in Italia. I tempi dei processi di progettazione, preparazione, spedizione e consegna allo studio odontoiatrico erano particolarmente lunghi e la collocazione finale sui denti richiedeva almeno tre settimane. Oggi queste tempistiche sono stati accorciate grazie alla decentralizzazione della produzione delle Lumineers in Italia incrementandone le potenzialità di utilizzo.

 

UTILIZZO DELLE FACCETTE ESTETICHE LUMINEERS

 

Le faccette estetiche Lumineers sono indicate quando il paziente vuole migliorare l’estetica del suo sorriso. Trovano ottima applicazione in tutti i casi in cui:

 

– L’obiettivo è rimodellare dentature imperfette, modulare spazi irregolari e interdentali eccessivi, allungare denti corti.

 

– Sono presenti denti rotti o malformati, denti fratturati, con bordi incisali usurati.

 

– In alcuni casi possono essere utilizzate in sostituzione della terapia ortodontica per ottenere un rapido allineamento.

 

– In presenza di corone e ponti senza doverli sostituire.

 

– È richiesta una procedura totalmente reversibile. Con la rimozione delle faccette Lumineers i denti ritornano alla loro condizione originale; questo non accade con le tradizionali faccette di ceramica.

 

– Sono presenti alterazioni del colore (discromie) o della forma dei denti e in tutti i casi di macchie permanenti.

 

– È richiesto un trattamento dei denti poco invasivo, in particolare nei casi di pazienti che hanno paura del dentista (odontofobici) e che rifiutano l’anestesia.

 

– Si vuole eliminare la fase dei provvisori non incorrendo negli eventuali problemi legati all’eccessiva sensibilità o ad impatti in ambienti di lavoro dove è richiesta una bella presenza.

 

– Adolescenti con denti macchiati dallʼuso di antibiotici in giovane età, da pregresse terapie ortodontiche, da esiti di traumi, da vecchie.

 

Per le faccette dentali Lumineers ci avvaliamo della Dottoressa Silvia Leonardi, centro di eccellenza Lumineers Italia.

Dottoressa Alessandra Leonardi - Faccette Dentali Lumineers

ORTODONZIA INVISIBILE INVISALIGN

L’ ortodonzia trasparente è una tecnica di allineamento dentale. Grazie a essa, è possibile ripristinare il normale posizionamento dei denti mediante l’utilizzo di mascherine trasparenti da posizionare sui denti.

 

Gli allineatori dentali tipici di questa tecnica vengono progettati dall’ortodontista grazie al supporto di uno scanner intraorale in 3D e di un software che permette di simulare il risultato finale del trattamento in 3D su schermo. 

 

Gli allineatori andranno indossati per circa 22 ore al giorno e sostituiti ogni 7/14 gg  circa, così da seguire lo spostamento dei denti.

 

QUANDO SI UTILIZZA INVISALIGN?

 

L’ ortodonzia trasparente può essere indicata in differenti casi:

 

DISALLINEAMENTO DENTALE 

MORSO APERTO

MORSO CROCIATO

SPAZIO TRA I DENTI – DIASTEMA 

AFFOLLAMENTO DENTALE

MORSO PROFONDO

 

Per l’ortodonzia Invisibile Invisalign , ci avvaliamo della Dottoressa Silvia Leonardi, Ortodontista e Platinum Élite Invisalign Provider.

Dottoressa Alessandra Leonardi - Odontoiatria Invisibile Invisalign

SBIANCAMENTO DENTALE PROFESSIONALE

Lo sbiancamento denti è indicato per trattare le discromie dentali che possono manifestarsi nel corso della vita di un individuo.

 

E’ bene far presente che queste discormie possono essere superficiali (quelle che derivano da un eccessivo consumo di tabacco e caffe), oppure più intense (quelle che derivano dall’utilizzo di alcuni farmaci).

 

Lo sbiancamento dentale, inoltre, può essere effettuato sia su denti vitali, sia su denti che hanno perso di vitalità (denti devitali).

 

In quest’ultimo caso, tuttavia, la procedura è leggermente più complessa e richiede tempi d’esecuzione maggiori.

 

Lo sbiancamento professionale  deve essere eseguito presso studi dentistici specializzati e direttamente dal dentista o dall’igienista dentale.

 

Parlando di sbiancamento professionale si fa riferimento allo sbiancamento tramite l’utilizzo di agenti chimici che possono essere attivati o meno da una fonte luminosa (come avviene, ad esempio, nello sbiancamento con laser).

 

Lo sbiancamento professionale risulta essere più consistente rispetto a quello domiciliare e molto più veloce da eseguire.

Dottoressa Alessandra Leonardi - Sbiancamento Dentale Professionale

IGIENE DENTALE PROFESSIONALE

L’igiene dentale professionale, è una procedura  alla quale è bene sottoporsi almeno due volte l’anno. Serve infatti, a rimuovere in modo completo ed efficace  la placca è il  tartaro che si depositano sui denti, nonostante una corretta igiene quotidiana. Eseguita da igienisti specializzati, l’igiene dentale è la migliore forma di prevenzione, poiché consente di salvaguardare la Salute dei denti da carie e malattie quali Gengiviti e Parodontiti (lievi, medie, severe).

 

La seduta di igiene dentale ha lo scopo di eliminare le incrostazioni di placca e tartaro che si sono depositate sul contorno sopragengivale o sottogengivale. Questa operazione viene eseguita utilizzando degli ablatori ultrasonici che vibrano ad una frequenza tale da frammentare velocemente e con efficacia il tartaro e gli aggregati batterici, anche in quelle zone in cui lo spazzolino ed il filo interdentale non riescono ad arrivare.

 

Nel caso in cui, invece, la pulizia dei denti sia stata trascurata troppo a lungo ed il tartaro si sia calcificato ben al di sotto del margine gengivale, creando addirittura delle tasche parodontali, l’igienista dentale potrà optare per una procedura di levigatura o avviare, insieme al nostro parodontologo, un protocollo specifico per la cura della malattia parodontale.

 

In linea di massima, consigliamo di sottoporsi ad una seduta di igiene dentale professionale almeno due volte l’anno. Questo intervallo di tempo scende invece, a quattro o tre mesi, nei pazienti che manifestano patologie gravi come parodontiti o problematiche particolari quali, ad esempio, disallineamento dentale e malocclusioni.

Dottoressa Alessandra Leonardi - Igiene Dentale Professionale